La Reina Latina

Don Omar si chiama così perché era un pastore evangelico

Don Omar era un pastore evangelico

Molti lo conoscono come uno degli esponenti più importanti della musica latina e in particolare del genere del reggaeton, quello che però non tutti sanno è che prima di esser diventato un cantante famoso, Don Omar era un pastore evangelico.

Proprio per questo, non a caso, lo pseudonimo “DON” Omar.

Già a 12 anni William Omar Landrón, questo il nome di battesimo del cantante portoricano, componeva le sue prime canzoni.

Tuttavia, all’età di 20 anni, la chiesa svolse un ruolo fondamentale nella vita di quel ragazzo che divenne pastore evangelico di un gruppo di 800 giovani.

E’ lì che nacque il talento di colui che sarebbe stato soprannominato in futuro, da Tito el Bambino, “Don Omar”. Un predicatore che prendeva canzoni popolari del momento e le cambiava con testi religiosi.

Il primo singolo pubblicato, “Vida Eterna”, venne catalogato come “reggaeton cristiano“.

Sebbene la chiesa fu una grande insegnante per lui, il suo vero amore era altrove. Già a 14 anni era innamorato dei suoni underground boricua (suoni underground portoricani) che mescolavano il reggae con il rap.

“Mi ero appassionato di un genere che nessuno conosceva e a casa mi dicevano che ero un matto”

Stava nascendo, all’inizio degli anni ’90, il reggaeton.

Finalmente, a 23 anni, decise di rincorrere il suo sogno: entrare nel mondo della musica. Iniziò come compositore e corista di Hector y Tito per poi intraprendere la carriera da solista.

Fino ad arrivare a calcare i più grandi palchi del mondo.

Con il background da oratore e quell’arte dialettica che hanno, da sempre, caratterizzato la sua musica.

In alcune interviste ha riconosciuto il periodo in cui è stato pastore come il momento più bello della sua vita.

Ha detto: “In quegli anni ho imparato a cantare con il cuore, ho capito che le parole non sono vuote”. E ha aggiunto: “Non sono solo inchiostro su un foglio, esistono parole che possono muovere il cuore di migliaia di persone”.

(“Fue el momento más bonito de mi vida, en el que aprendí a cantar con el corazón. Aprendì que las palabras no están vacías, que no solo son tinta de un lapicero sobre el papel. Que habían palabras que podían mover los corazones de miles y miles de personas a la vez”.)

Di seguito un video in cui Don Omar, nel 2016, durante un concerto fa una predica al pubblico:

Ironia della sorte, quando Don Omar decise di smettere di predicare per cantare professionalmente, il suo mentore Héctor El Father smise di essere musicista per diventare pastore evangelico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *